martedì 5 febbraio 2008

Vuoto a perdere

La mia vita,giù ai miei piedi,accartocciata,gualcita,stropicciata,come un vuoto a perdere,abbandonata sul paviimento,povero cane fedele dimenticato nel trasloco di una casa.Anche stanotte la luna è venuta a illuminare l'orto,a far brillare l'umile pomodoro e la sublime rosa,quanta democrazia stanotte,perfida faccia pallida.Quante miei notti hai illuminato,quelle girovaghe,inquiete della giovinezza,quelle solitarie e quelle fatte di risate e pianto,eih vecchia guardona,sei ancora lassù? Illumini anche il vuoto a perdere della mia vita che avanza,nell'attesa di un'alba,o di chissà che.
Posted by Picasa

17 commenti:

pasquale ha detto...

caro amico,a volte sei speculare a quanto io penso, mannaggia sta vita fetente perchè e stata tanto cattiva con me? purtroppo il destino in parte non lo scegliamo noi,ma spero che almeno qualcosa di buono dopo tanta sofferenza arriverà

solopoesie ha detto...

(G)
Ho visto che sei venuto a farmi visita , senza lasciarmi un saluto!
Essendo che (per distrazione ) i commenti erono disattivate.
Voglio pensare che sia questo il motivo!

Non siamo più dei buoni amici?

Ti saluto affettuosamente .....LINA

solopoesie ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Anonimo ha detto...
Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.
jengiskan ha detto...

Pasquale carissimo tu hai un cuore grande come una casa e certo qualcosa di buono dovrà pure esserci per te,ti penso in continuazione,forse è per questo che spesso sentiamo cose simili,ciao un abbraccio.

jengiskan ha detto...

Lina amica mia,trovi per me sempre bellissime parole,e come ti ho scritto nel blog,questa volta nell'associarmi a Pasquale mi hai fatto un regalo doppio,Lina ti voglio bene

jengiskan ha detto...

Anonimo sapessi come sono orgoglioso che tu abbia confidato a me cose così intime,che uno non vorrebbe che nemmeno l'aria sapesse.Cosa posso dirti,le cose belle spesso fanno anche molto male,certo tu mi parli di una cosa,che chiunque abbia un cuore,vorrebbe vivere e nello stesso tempo sente la paura e lo sgomento per la situazione.Non posso dirti di non vivere un'emozione come questa e nello stesso tempo temo per la tua situazione;mi rendo conto di non esserti di grande aiuto,ma devi convenire che,specialmente in queste cose nessuno è maestro,ma siamo tutti scolaretti.Ti sono vicino con grande affetto e trepidazione e quando hai bisogno di uno sfogo,sappi che qui hai orecchie pronte ad ascoltarti e un cuore affettuoso pronto a capirti,ciao ti voglio bene.

pasquale ha detto...

grazie amico mio per le tue parole,sei l'unica persona che ho confidato questo mio segreto,forse una entità superiore vuole così, dove vivere una cosa che chiunque anelerebbe ma non poterla avere... che sfiga!

solopoesie ha detto...

BUONA GIORNATA G

Buon giorno è la prima frase che parte delle nostre labbra...........
Si pensa di poter cambiare il mondo dicendo solo "cambia",
si pensa di poter volare solo dicendosi .. "vola e vola e vola ancora."
C'è chi vola col cuore, chi con la fantasia, chi con l'anima e chi con la paura.....
ma adesso c'è chi non vola,
chi non spera e chi odia volare, chi odia sperare......
Non crede in quello che potrebbe accadere nella vita solo perchè una volta ha perso un sogno, o rinunciato ad un ideale......
Delusioni si...ma se ci sono magari servono........
Da una delusione possiamo anche capire dove abbiamo sbagliato,
dove potremmo non sbagliare più e dove potremmo metterci ..
un gesto un sorriso, una lacrima ..
un'emozione per non perdere la voglia di provare e riprovare, fino a non avere più le forze per provare........
solo così si potrà vivere e crescere ogni giorno di più...
provarci non costa nulla.. no?
un sorriso e...
BUONA GIORNATA ........LINA

chicchina ha detto...

Ciao,non sono molto presente sul blog,motivi seri mi chiamano altrove,ma per un saluto ad un amico trovo sempre il tempo.
La primavera in arrivo ci porterà un po di ottimismo?Sento malinconia nelle tue considerazioni,o sbaglio?
Auguriamoci giorni migliori,caro Jengis,un po di sana felicità non guasta mai.Chicchina

solopoesie ha detto...

Grazie della visita nel mio blog mi fai sempre felice , 6 1 carrissimo amico
Che dirti Si!! jengiskan ,CORRO!! CORRO !!
bisogna sempre sperare nella vita
possiamo sempre scegliere,
per cosa o per chi gioire o soffrire...
come semplificarci il vivere
o come complicarcelo...
come e quando amarci o odiarci...
nessuna pista è tracciata...

ma perchè ci lascia così liberi
di scegliere come e da dove scendere,
quando sappiamo benissimo
che siamo solo capaci d'inciampare e cadere...

continuiamo ad avere fiducia
anche quando vediamo che cadendo
ci fratturiamo sempre nello stesso posto...CIAO e grazie della visita ...

UN CARO ABBRACCIO .lINA

claudine Cittadina del Mondo ha detto...

Jengi!!! Che dolce leggere il tuo nome nel mio piccolo mondo che ultimamente diserto!
eh si... questo tempo che trascorre troppo velocemente...
Ho messo le priorità nel cercare d'essere un po' più produttiva per compiacere chi si attende le continuazioni di entrambi gli ultimi due romanzi.
Ma il tempo è sempre troppo poco, gli impegni troppi ed a volte il sonno ti porta tra le braccia di Morfeo ancor prima che tu possa iniziare a rispondere o scrivere qc. agli amici *di penna*.
La tristezza degli attimi non si può esorcizzare... non si può cancellare con un colpo di spugna... solo possiamo viverla! Cercando di trarne il massimo degli insegnamenti...
Torna a trovarmi... ed ogni tanto, quando ricevi i miei mail... rispondi ;-) un dolce bacio
:-)claudine

solopoesie ha detto...

GIANCARLO !!!

Oggi è la festa degli innamorarti ti faccio tanti auguri e ti auguro una felice giornata con tutte le persone che ami !! Con tanti ....BUON GIORNO A TE!!!

Buon giorno a te,.... se tiri diritto x la tua strada, anche se la sorte è stata qualche volta avversa non ci pensare , non sempre le cose vanno come vorremmo noi.

buon giorno a te.....se non ti lasci dire cosa fare, accetti il peso delle tue azioni e lasci che le voci discordanti scorrano come il vento sulle tue guance;
buon giorno a te ........

GIANCARLO ,se la ragione prevale sul cuore: una ferita ci mette molto a rimanginare, ma la ragione insieme al tempo sono la miglior cura...

CIAO LINA

pasquale ha detto...

cia giankan,sempre grazie per le tue parole, lo so che mi vuoi bene come te ne voglio anche io, oggi è una bellissima giornata di sole e me ne sono andato nel parco della reggia, ci stavano tanti ragazzi che avevano bigiato la scuola, mi sono sentito bene ed i dolori sono scomparsi quasi per miracolo,tante amiche mi hanno mandato sms di auguri, e sto ritrovando un pò di buon umore...meno male.

solopoesie ha detto...

GIANCARLO!!!!
ho trovato nel motore di ricerca questa bellissia favola , mi sono commossa nel leggerla, mi e venuto da piangere ......e bellissima! mi sono ricordata quando anch'io da bambina avevo paura del buIo , e credevo di non vedere più la luce quando vidi che l'ultima candela si stava spegnendo ......poi tornò la speranza.....

.............................
LA SPERANZA
Le quattro candele, bruciando, si consumavano lentamente.

Il luogo era talmente silenzioso che si poteva ascoltare la loro conversazione. a prima diceva
"IO SONO LA PACE"
ma gli uomini non riescono a mantenermi:
penso proprio che non mi resti altro che spegnermi!".
Così fu, e a poco a poco la candela si lasciò spegnere completamente. La seconda disse:
"IO SONO LA FEDE".
Purtroppo non servo a nulla.
Gli uomini non ne vogliono sapere di me e per questo motivo non ha senso che io resti accesa.
Appena ebbe terminato di parlare una leggera brezza soffiò su di lei e la spense.
Triste triste la terza candela a sua volta disse:
"IO SONO L'AMORE".
Non ho la forza di continuare a rimanere accesa.
Gli uomini non mi considerano e non comprendono la mia importanza. Essi odiano perfino coloro che più li amano, i loro familiari.
" E senza attendere oltre, la candela si lasciò spegnere."

Inaspettatamente un bimbo in quel momento entrò nella stanza e
vide le tre candele spente.
Impaurito per la semi-oscurità disse:

"MA COSA FATE?! VOI DOVETE RIMANERE ACCESE!!!
IO HO PAURA DEL BUIO!!" E così dicendo scoppiò in lacrime.
Allora la quarta candela impietosita disse:

"Non temere, non piangere:
finché io sarò accesa potremo sempre riaccendere le altre candele!!

"IO SONO LA SPERANZA!"
Con gli occhi lucidi e gonfi di lacrime il bimbo prese la candela
della speranza e riaccese tutte le altre.

CHE NON SI SPENGA MAI LA SPERANZA DENTRO IL NOSTRO CUORE
E CHE CIASCUNO DI NOI POSSA ESSERE COME QUEL BIMBO
CAPACE IN OGNI MOMENTO DI RIACCENDERE CON LA SUA SPERANZA, LA PACE, LA FEDE, L'AMORE.


buona giornata ...lina

chicchina ha detto...

ciao,non è da te stare così tanto lontano dal blog.Tutto bene?
Un caro saluto-Chicchina

rosy ha detto...

Parole le tue, dove si legge tanta dolce malinconia.
Qualunque cosa la vita ci ha dato, oggi appartengono a noi.
Avverto tanto dolore nelle tue parole..un dolore dolce.
Complmenti!