venerdì 22 febbraio 2013

HOWL


Allen Ginsberg

I saw the best minds of my  generation destroyed by
madness,starving hysterical naked,
............................................................................

Ginsberg dovevo leggerlo a vent'anni,quando avevo
tempo per impazzire,o per scegliere
di andare via.

Leggerlo oggi a settant'anni,
oggi,che non ho il tempo né d'impazzire,
né di andare lontano,
è come se,soffrendo di vertigini,
mi trovassi in bilico sul cornicione
al trentesimo piano di un grattacielo
guardando giù verso l'abisso.
Oggi mi resta solo il rimpianto
e la paura castrante del volo.

La mia vita
attraverso ideologiche biblioteche
volando attraverso libri di desideri
 soffocati tra pagina & pagina..
Paura di volare
impazzire 
senza andare via
io qui dopo. 
Dopo un lungo,
lunghissimo volo raso terra.

domenica 3 febbraio 2013

angelo bambino

Resti d'una vita,

plastica e lluci al neon,

colori acidi

suscitano scintille

d'asfalto bagnato.

Un gatto bianco e rosso

scava la sua vita,

io,la mia

la cerco nelle tasche.

Sotto un cielo

basso,pesante

cielo di ferraglia,

giaccio,

ricordo inutile.Piovono scintille elettriche da vecchi lampioni arruginiti,i miei occhi le riflettono e proiettano lontano;un passo dopo l'altro sull'asfalto lucido d'insegne colorate e il cuore si gonfia come una spugna e gocciala lacrime di vita.

Sotto la vecchia tettoia di bandone

grigia,

tra bidoni di lamiera.

due occhi accoccolati

d'angelo bambino.