martedì 24 luglio 2007

come in uno specchio




Il fiume ci divise,ma la vita con i suoi imprevedibili percorsi,ci avvicinò,allora scoprimmo che non eravamo poi tanto diversi.Nei tuoi occhi si specchiarono i miei e le tue parole con le mie si confusero.

6 commenti:

vyoletta ha detto...

breve intenso poetico...vibrante! un forte abbraccio gengis!

jengiskan ha detto...

grazie Vyoletta un abbraccio a te

claudine Cittadina del Mondo ha detto...

Le acque nascondono sempre qc.
di viscerale, di affascinante, di sensuale.
Poco importa se son limpide o torbide, sono le acque esistenziali.
Ricordo sensazioni stranissime, quando anni fa' vidi per la prima volta la Pororoca, l'Amazonas che entra nell'oceano Atlantico.
O altri ancora, il Gange vicino a Varanarasi...
Ogni volta, la potenza delle acque...
che ti da quella sensazione avvolgente al cuore!
Un dolce bacio, Gengjskan, e scenderemo in piroga sull'Orinoco fino al suo sbocco al mare caribico!
:-) claudine

jengiskan ha detto...

ciao Claudine sarebbe bellissimo scende discendere insieme l'Orinoco fino al mare,sarebbe un'esperienza indimenticabile,ciao amica mia

asiyaaliya ha detto...

ho raccolto gocce di disperazione e le ho trasformate in elisir lasciandomi andare in un'altro linguaggio nascoto. Archeologia di me stessa che racchiude tutta l'umanità. E quando ci teniamo per mano é la bellissima rivoluzione e sorvoliamo le galassie su preziose astronavi dipinte d'amore....mille baci.!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

jengiskan ha detto...

ciao Asiyaa era già un pò ke nn ti sentivo e mi mancavi grazie della visita e delle tue parole