domenica 23 marzo 2008

Tragica follia


Tragica follia dare un nome a ciò che nome non aveva e chiudere in un cerchio le passioni.Tra letti insonni e tenere illusioni,io vaglherò cercando di obliare anche i primi elementi di questo delirio.A una,a una lascerò cadere le parole e i loro sbiaditi concetti,finché non rimarrà dietro di me altro che suono.
AAAfluuuschsloooMMMM UAUAUAHIOHHHH
Suoni di un nuovo amore,di una nuova vita.

4 commenti:

solopoesie ha detto...

GIANCARLO
Sempre intensi e belli i versi che riporti.

Il tuo animo sensibile ti porta vicino, dentro ai grandi sentimenti espressi da chi senti in sintonia.

CIAO!!! Mio carissimo amico ...

LINA. LINA

pasquale ha detto...

ciao giankan, oggi lunedi dell'angelo,il tempo fa schifo, piove fa freddo e tira vento,mi ricordo di altri lunedi in albis con gli amici correvamo al mare nonostante il tempo, le onde la spiaggia, baci rubati alla più bella, gioventù sana e spensierata, dolci ricordi di un tempo lontano. Leggo sempre con interesse i tuoi versi, ci somigliamo molto, vediamo di non intristirci tanto perlò...

solopoesie ha detto...

PASQUALE
La sofferenza è una grande maestra ed è anche per certi versi nostra madre...una seconda

madre. Silente e meditabonda, grave di quella gravità che tu osservandola sai che sprizza

saggezza da ogni poro, dolorosa e spregiudicata la sofferenza si fa strada anche in noi e

nella nostra vita. Tutti però abbiamo imparato da lei. Tutti chi più chi meno sappiamo di

che si tratta. Siamo cresciuti grazie a lei. Uomini e donne maturi e consapevoli grazie a

lei. Ma la saggezza acquisita mai ci ha fatto esclamare:"benvenuta sofferenza" perché

vorremmo evitarla, cacciarla con autorità, ma questo non ci è possibile e solo paradosso della nostra esistenza

UN CARO SALUTO ...LINA


S.P. BUONA PASQUETTA

P.S
ora vengo a casa tua( Nel tuo blog hahah!!) :-)

jengiskan ha detto...

Credo che con il mio blog non potevo di ottere di più,uno spazio dove gli amici dialogano.Bellissimo grazia questo è un grande dono per me